Anche la terra si muove! (Non bisogna aver paura del terremoto…)

C’era una volta una bambina di nome Denise, dai capelli castani e gli occhi verdi e svegli. Denise aveva nove anni (sono tanti!) e un sacco di voglia di giocare e divertirsi.
Un bel giorno la sua scuola organizzò una bella gita per tutta la classe: sarebbero andati a visitare un bellissimo castello in una città di nome Ferrara. Denise si era preparata con cura il suo zainetto, contenente la merenda e qualche gioco da utilizzare con i suoi amici. Il viaggio in autobus era stato piacevole, perché una maestra aveva spiegato ai bambini una tecnica infallibile per creare piccoli braccialetti colorati. Denise ne aveva creato uno davvero meraviglioso, verde e blu con una perlina al centro.

Appena arrivati a Ferrara tutti i bambini si sono riuniti davanti all’imponente castello; era proprio bello e sembrava costruito con i lego, tanto era perfetto!
Ad un tratto, mentre bimbi e maestre camminavano di fianco alle mura del castello, si sentì la Terra tremare. Fu tutto molto strano: sotto ai piedi si sentiva uno spaventoso dondolio e perfino le case intorno sembravano voler cadere da un momento all’altro, da tanto si muovevano.

“Siamo in giostra!” urlò Giacomo. “Ma no, è la Terra che, siccome si è appena svegliata, si sta stiracchiando la pelle, proprio come fai tu quando ti svegli nel tuo lettino!” rispose sicura Denise. Mentre parlava, le si avvicinarono tutti gli altri bambini, che si erano un po’ spaventati, ma volevano ascoltare la sua spiegazione del perché la Terra si fosse mossa in quel modo brusco e assolutamente imprevisto.

Denise, che anche se era una bambina era anche un po’ maestra, perché le piaceva prendersi cura dei bimbi più piccolini, si sedette e chiese ad ognuno di mettersi in cerchio intorno a lei, per poter spiegare la storia del terremoto. “Ripeti cosa hai detto!” chiese impaziente Elisa. “Ho semplicemente detto” proseguì Denise “che anche il nostro Pianeta, quando si sveglia alla mattina si deve pur tirare la pelle, in fondo dopo un bel sonno ci si sente tutti indolenziti e la Terra è molto grande, perciò quando si stiracchia fa tremare tutto quanto”.

I compagni e le maestre ascoltavano in silenzio le parole della bambina, che era riuscita a tranquillizzare anche i più spaventati.

“Ma la Terra ha il pigiama?” domandò curioso Alessandro. “Si! Ha uno splendido pigiamino verde color degli alberi, marroncino come le montagne e nero come gli uccellini che volano liberi nel cielo. Mai visto un pigiama più alla moda del suo!” ribatté sorridendo Denise.

“Ma la Terra si lava i denti prima di dormire?” chiese poi Elisa, aggiungendo: “Io sono brava e mi lavo i denti tutte ma proprio tutte le sere e anche di mattina!”. A quel punto tutto scoppiarono a ridere.. “Certo che la Terra si lava i denti, ma non con il dentifricio, bensì con la schiuma del mare, per poi sciacquarsi con la fresca acqua dei ruscelli.”

“Ma la Terra porta le scarpe…? Che numero porta?” domandò ancora Giacomo.

“Sapessi che belle scarpe ha la Terra…! Le ho cercate nei negozi per prendermele ma non le ho trovate. Devi sapere che le sue scarpe sono fatte di stelle… però, da quando l’uomo getta i rifiuti in mezzo alla natura, le povere stelline si sono ammalate prendendo una brutta tosse. Proprio per questo, tutte le volte che le stelle tossiscono, anche se loro non lo sanno e non lo fanno apposta, fanno tremare tutta la Terra!”.

I racconti di Denise erano talmente belli e dolci che fecero venire a tutti una gran voglia di disegnare la Terra con il suo buffo pigiama e la scarpe stellate. Le maestre andarono a cercare dei fogli e delle matite e tutti i bambini, seduti in mezzo all’erba, disegnarono chi la Terra con lo spazzolino da denti, chi la Terra con il pigiama stropicciato, altri ancora la Terra con le scarpe da ginnastica numero 1.041.

Scritto e illustrato da Denise, 9 anni ed Elisa 35 anni, con affetto e tenerezza per tutti i bambini che hanno sentito il loro cuore tremare.

Diffondi questo articolo:


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>