NUCLEARE

 

Fughe radioattive in Francia, ancora una volta.  Dopo l’incidente di Marcoulle, quello della centrale di Fessenheim e l’incendio della centrale di Tricastin, anche a Flamanville, sede tra l’altro del cantiere per la costruzione del reattore di terza generazione dell’EPR , per quasi 6 ore, dalle 23.15 di ieri sera alle 05.00 di questa mattina,  c’è stata una fuga radioattiva all’interno del reattore 1 della sua centrale, causata da un incidente di manutenzione.

Lo ha annunciato oggi l’Autorité de sûreté nucléaire (ASN), che  ha provvisoriamente classificato questo avvenimento al livello 1 sulla scala Ines, che va da 1 (anomalia) a 7 (incidente grave). “La ASN è stata informata questa mattina da parte di EDF di una perdita che si è verificato su una linea ausiliaria del circuito primario del reattore n ° 1 di Flamanville Mercoledì alle 23:15. La perdita è stata arrestata alle 5:00 di Giovedi”, si legge in un comunicato ufficiale della ASN.
Continua a leggere

Canzoni contro la guerra

Istituto Ernesto De Martino A.N.P.I /Comitato Provinciale di Firenze Comitato Fiorentino Fermiamo la guerra con la collaborazione del Circolo Affratellamento promuovono, nell’ambito delle iniziative per il Forum Europeo “Firenze 10+10/Unire le forze per un’Altra Europa” 8-11/11 Fortezza/Firenze,

“Canzoni contro la guerra” con Coro Le Musiquorum Alessio Lega Marco Rovelli Davide Geromini Rocco Marchi Francesca Boccolini

Domenica 4 Novembre 2012 ore 16,30 Teatro Affratellamento Via Gian Paolo Orsini, 73 – Firenze

Continua a leggere

Senza dimora

I senza fissa dimora in Italia

Per la prima volta in Italia è stato fatto un censimento su quante persone vivono senza una fissa dimora ed il risultato è piuttosto rilevante, tra gente che vive la condizione da sempre e quelli che con la crisi hanno perso tutto

Oltre 50mila persone. È il numero dei senza dimora che emerge dal Rapporto 2011 compilato da Istat, Caritas, Fiopsd e ministero del Welfare, presentato ieri a Roma. Si tratta del primo censimento del fenomeno mai svolto in Italia. Ecco come lo riporta redattoresociale.it

Continua a leggere

BUONE PRATICHE

Senzatetto condannato all’obbligo di dimora su una panchina del Parco (foto Newpress)

Nelle stazioni centri di aiuto per clochard

La Regione firma un accordo con Ferrovie

Mezzo milione di fondi regionali per un progetto triennale. Gli ‘Help center’ offriranno pasti, bagni, riparo dalle intemperie ma anche attività di formazione professionale. Si interverrà nelle stazioni di Firenze, Pisa, Viareggio, Prato e Livorno

Firenze, 15 ottobre 2012 - Mezzo milione di fondi regionali per aiutare i clochard che abitano le stazioni ferroviarie. Lo prevede una delibera approvata oggi dalla Giunta regionale toscana, su proposta dell’assessore alle politiche sociali Salvatore Allocca. L’idea è quella di creare ‘Help center’, centri di accoglienza e orientamento per i senza dimora, che forniranno una prima assistenza – con la distribuzione di pasti e beni di prima necessità – ma anche sostegno in un percorso di formazione professionale.

Col l’aiuto di soggetti (pubblici e privati), si interverrà a Firenze (Santa Maria Novella, Campo di Marte, Rifredi) a Pisa, Prato, Livorno, Viareggio. Altre città potranno essere inserite in tempi successivi. Anci Toscana ha siglato con le singole amministrazioni locali,la Regione Toscana e Ferrovia Spa, un accordo per un progetto di validità triennale (2012-2014).

DIETRO OGNI SCEMO C’E’ UN VILLAGGIO

 

DAL LIBRO “DIETRO OGNI SCEMO C’E’ UN VILLAGGIO”

DI GIUSEPPE BUCALO:

PAG.70_….. e se tutto quello che facciamo “per il bene” di chi definiamo
folle non facesse che impedirgli di realizzare la sua “autogarigione”? Se
nel tentare di farlo smettere di “fare il pazzo” noi non facessimo altro che
bloccare, complicare, confondere le sue ragioni, condannandolo a “restare
pazzo tutta la vita?”

E se ci fossimo sbagliati a considerare i suoi comportamenti come “sintomi” di una malattia, piuttosto che come azioni, necessarie e significative, per “guarire” ,strade per tornare a vivere?

Continua a leggere

Conciatori sgomberato!

Firenze, 23 ottobre conciatori sgomberato
Alle ore 08.00 pattuglie della polizia municipale e funzionari del
comune hanno blindato la neonata occupazione del Progetto
Conciatori in via della Conce 14r.
Il pugno duro di questa amministrazione
non si è fatto attendere.
L’immobile già sgomberato da un imponente impiego di forze
dell’ordine lo scorso 19 Gennaio versa ancora in stato di incuria e
abbandono nonostante sia da nove mesi vuoto.
La nostra occupazione del 20 Ottobre di una piccola porzione
all’angolo di via dei Conciatori aveva lo scopo di dare un uso sociale
e collettivo a quello spazio, riprendendo la pratica già a suo tempo
messa in atto con la realizzazione di laboratori autogestiti, attività
culturali, spazi per l’infanzia, momenti di svago, cinema, musica e
cene sociali.
Noi del Progetto chiediamo chiarezza sulla proprietà dell’immobile
che a quanto pare dopo tutto questo tempo (dall’asta del 10 Dicembre 2010) non ha avuto effettivo passaggio.
Denunciamo pertanto la manovra oscura di questa giunta che in
risposta al bisogno nel quartiere di spazi sociali e non mercificati
interviene murando e chiudendo forme di aggregazione.
OPPONIAMOCI ALLA SPECULAZIONE!!
Rispondiamo all’ennesimo sgombero invitando tutte/tutti alla
cena in strada in via dei Conciatori
Sabato 27 dalle ore 21.00
In caso di pioggia ombrellata in via dei Conciatori e a seguire cena
all’Ateneo Libertario in Borgo Pinti 50r.
Conciatori Re-Esiste e non demorde

La tortura nelle carceri italiane

Carissim*
mi permetto di invitarvi personalmente e pregarvi di segnalare e caldeggiare presso vostri amici e colleghi la partecipazione al quarto appuntamento di riflessione dedicato a La tortura nelle carceri italiane.
L’iniziativa è patrocinata da CESVOT e dal Gruppo consiliare Federazione della sinistra-Verdi, in collaborazione con L’altro Diritto onlus, Fondazione Giovanni Michelucci, FICS Federazione internazionale Città sociale, Associazione volontariato penitenziario – AVP onlus, Centro sociale evangelico onlus, Comune di Firenze – Ufficio del Garante delle Persone Private della libertà personale e organizzata dall’Associazione Liberarsi.

L’appuntamento e’ per il 25 ottobre 2012, presso il Salone degli Affreschi in Via Cavour n.4 a Firenze dalle 9,30 alle 18.00
Continua a leggere

Freedom Flotilla Italia

La marina da guerra di Tel Aviv ha assaltato Estelle, il veliero della Freedom Flotilla 3 diretto a Gaza assediata con il suo carico di umanità e solidarietà. Si tratta dell’ennesimo atto di pirateria e di illegalità commesso dallo Stato di Israele, il solo al mondo ad aver collezionato centinaia di Risoluzioni dell’ONU disattese e violate, senza per questo aver mai subito alcuna sanzione. Oltre ad una ventina fra parlamentari europei ed attivisti, fra cui l’italiano Marco Ramazzotti Stockel, Estelle trasporta 2 alberi di ulivo, 41 tonnellate di cemento, sedie a rotelle, deambulatori, stampelle, stetoscopi ostetrici, libri per bambini, giocattoli, 300 palloni da calcio, strumenti musicali, attrezzature teatrali, radio VHF – per la navigazione ed un’ancora per l’Arca di Gaza, la nave in costruzione per poter esportare le merci dalla Striscia. Il viaggio di Estelle è iniziato tre mesi fa dal Mare del Nord ed ha toccato i porti di Svezia, Norvegia, Francia, Spagna ed Italia: ogni tappa è stata segnata da manifestazioni di solidarietà, come a Napoli, dove in migliaia abbiamo salutato la nuova sfida ad un blocco illegale alla navigazione imposto dallo stato di Israele, un blocco che condanna quasi due milioni di persone ad una vita da prigionieri. Siamo stanchi della complicità dei governi del mondo con l’arroganza, la violenza e l’illegalità del governo di Israele. Vogliamo la fine dell’assedio di Gaza e dell’occupazione della Palestina. Vogliamo l’affermazione dei diritti umani in Palestina ed in tutti i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo
CONTRO L’ASSEDIO E L’OCCUPAZIONE 10 – 100 – 1000 ESTELLE!!!

 sito: http://www.freedomflotilla.it/

Comunicato stampa

Firenze, 23.10.12
Comunicato stampa

di Franco Corleone
Garante dei diritti dei detenuti del Comune di Firenze
Digiuno ad oltranza
Oggi e domani digiuna Franco Corleone;

Giovedì 25 ottobre digiunerà Renzo Magosso (giornalista);

Venerdì 26 ottobre digiunerà Stefano Di Puccio (consigliere comunale);

Sabato 27 ottobre digiunerà Cecco Bellosi (comunità Il Gabbiano);

Domenica 28 ottobre digiunerà Beppe Battaglia (associazione Liberarsi);

Lunedì 29 ottobre digiunerà Marco Perduca (senatore).

Mercoledì 24 ottobre ore 13,30 nel carcere di Sollicciano si terrà la Commissione detenuti, per fare il punto della situazione.
Si segnala sul Il Manifesto di oggi in prima pagina, l’articolo di Franco Corleone, “Carcere e democrazia” – Io in sciopero della fame contro la violenza del potere.

Firenze città in saldo!

Firenze 20-10-2012
UNA GIORNATA “PARTICOLARE”
Questa mattina un centinaio di donne e uomini hanno partecipato all’iniziativa contro la vendita del PATRIMONIO PUBBLICO indetta dai movimenti per il diritto all’abitare a livello nazionale.

A Firenze il luogo prescelto è stato il PIAZZALE MICHELANGELO. Nel mezzo ad alcuni interventi di movimenti, Comitati e centri sociali è stato esposto un’enorme striscione di CENTO METRI CON SCRITTO: “TUTTO CIO’ CHE VEDI E’ IN VENDITA…ovviamente in pìù lingue…
Continua a leggere