Santa Maria Novella invasa dai fast food

Da qualche giorno la nuova insegna di Burger King troneggia in Piazza Stazione n. 5 sopra le saracinesche dell’ex Bar Lazzi storico esercizio di ristorazione, famoso per i prezzi modici e la buona qualità, che aveva chiuso i battenti qualche mese fa. Dopo qualche giorno dalla chiusura, sulle vetrine era apparsa una scritta: “Grazie Renzino”. Secondo le informazioni raccolte un po’ in giro, i dipendenti “dismessi” (credo licenziati), ce l’avevano col Renzi perché nei locali voleva far mettere un corner per la ricarica delle auto elettriche. Dopo qualche mese di ristrutturazione invece, apre un esercizio, sempre di ristorazione, ma completamente diverso da Lazzi: un Burger King, l’ennesimo nella zona visto che ci sono già due McDonald’s, uno all’interno della stazione ed uno all’esterno. Della serie, non se ne sentiva proprio il bisogno.
Una cosa è certa: la zona intorno alla Stazione di SMN si sta proprio svilendo assai. Tra gli autobus che intasano Via Valfonda e le varie pensiline esterne rendendo l’aria e irrespirabile, le macchine che fanno gincana per aggirare le zone-giardino di questa città, l’invasione di esercizi commerciali modello “mordi e fuggi”, non ci sono limiti alla fantasia.
Ma è possibile, che in questa città debba vivere solo Via Tornabuoni con i suoi pavimenti lastricati d’oro ed il resto debba morire asfissiato da smog e squallore, nonché svenduto al migliore offerente?

Diffondi questo articolo:


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>