Citta’ (Firenze)

IL 10 OTTOBRE IN 100 CITTÀ ITALIANE
GIORNATA SFRATTI ZERO
PER IL BLOCCO DI TUTTI GLI SFRATTI
PER IL PASSAGGIO DA CASA A CASA
CHIEDIAMO
ALLA REGIONE TOSCANA
• L’immediata approvazione della proposta di legge regionale
per la costituzione della commissione per la graduazione degli
sfratti che assicura il passaggio da casa a casa
• Il reintegro totale dei residui fondi ex Gescal e dei proventi
delle vendite (più di 130 milioni di euro) per la realizzazione di
alloggi popolari (da costruire, ristrutturare o acquistare!)
Al Comune di Firenze
• nessuna vendita all’asta del patrimonio pubblico – non si
ripeta mai più l’infamia di Via Conciatori
• vertenza generale per l’uso sociale del patrimonio demaniale
non più utilizzato a partire dalle caserme e delle ASL
• messa a disposizione di tutti gli alloggi comunali di resulta
IL MOVIMENTO DI LOTTA PER LA CASA
e L’UNIONE INQUILINI

 

SOLIDARIETÀ CON GLI IMPUTATI
QUESTA MATTINA, OLTRE 150 DONNE E UOMINI DEL MOVIMENTO DI LOTTA PER LA CASA HANNO PRESIDIATO A LUNGO IL TRINUNALE NUOVO DI VIALE GUIDONI. LA CONSAPEVOLE SCELTA DELLA PRESENZA DI MASSA ERA DETTATA DALL’ESISTENZA DI BEN TRE PROCESSI CONTRO IL MOVIMENTO STESSO. DUE DI QUESTI ERANO IMPUTAZIONI DI VIOLENZA, RESISTENZA E LESIONI NEI CONFRONTI DI UN VIGILE URBANO, L’IMPUTATO LORENZO BARGELLINI, MILITANTE DEL MOVIMENTO. UN ALTRO PROCESSO RIGURDAVA INVECE UN RICHIEDENTE ASILO ERITREO, SEMERÈ GHERETZGHER, ACCUSATO ANCH’ESSO DI RESITENZA E LESIONI A PUBBLICO UFFICIALE. NEL CASO DI SEMERÈ CHE HA SUBITO UN’AGGRESSIONE DA PARTE DI ALCUNI AGENTI DIGOS IN VIA PALAZZUOLO RIPORTANDO FRATTURE PER QUASI 60 GIORNI DI LESIONI SIAMO AL COLMO DELL’INCREDIBILE… LA FORTE SOLIDARIETÀ CON I DUE COMPAGNI HA RIPORTATO LA MAGISTRATURA A PIU’ MITI CONSIGLI E I PROCESSI SONO STATI RINVIATI AL 2 LUGLIO 2013. DA SEGNALARE, PER DOVERE DI CRONACA, CHE SEMPRE QUESTA MATTINA UNO SFRATTO, IN VIA DEI VAGELLAI (QUARTIERE SANTA CROCE) È STATO RINVIATO AL 15 GENNAIO GRAZIE ALLA PRESENZA DI MILITANTI DELL’UNIONE INQUILINI E DEL MOVIMENTO STESSO. ALLO SFRATTO ERANO PRESENTI BEN TRENTA POLIZIOTTI … PER UNA DONNA SOLA CON UN GATTO… LE INIZATIVE DEL MOVIMENTO DI LOTTA PER LA CASA CONTINUANO.
IL MOVIMENTO DI LOTTA PER LA CASA


Firenze, divieto di mendicare ai semafori. ‘’Mozione di accanimento’’
Il consiglio approva la mozione. De Zordo: ‘’Se esiste un racket della mendicità lo si combatta con gli strumenti adeguati’’
“È davvero sconcertante e allarmante che il Consiglio comunale di Firenze approvi all’unanimità dei presenti una mozione ‘di accanimento’ contro i mendicanti”. Queste le parole della consigliera di Perunaltracittà Ornella De Zordo all’indomani dell’approvazione della mozione del Consiglio comunale che chiede di vietare ai mendicanti di fare la questua ai semafori. L’atto è stato proposto dal consigliere della lista Galli, Marco Semplici, e modificato da un emendamento di Maurizio Sguanci (Pd). “In questo ipocrita obiettivo di toglierci di torno i poveri – dice De Zordo – considerati non persone in estrema difficoltà e spesso fuggiti da luoghi teatro di guerre, ma ‘pessimo biglietto da visita’ per i turisti, maggioranza e opposizione si sono trovati in perfetto accordo, in nome del decoro e della sicurezza di una città cartolina. Non si ha memoria di un impegno bipartisan altrettanto efficiente nello stanziamento di risorse utili a contrastare il problema vero, che è quello di una crescente povertà tra quanti vivono a Firenze e restano esclusi dai circuiti dell’assistenza offerta dal Comune”. “Se poi veramente esiste un racket della mendicità – conclude De Zordo – che lo si combatta con gli strumenti adeguati che la legge italiana fornisce in merito, e che non mi pare sia stata richiamata dai solerti consiglieri che ieri hanno approvato la mozione proposta dalla lista Galli e emendata dal Pd col risultato che abbiamo visto”.

Diffondi questo articolo:


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>