Firenze 10+10

Unire le forze per un’altra Europa verso Firenze 10+10

Nel corso dell’incontro internazionale a Milano di preparazione di “Firenze 10+10” dal 14 al 16 settembre scorsi – cui hanno preso parte 120 rappresentanti di movimenti, sindacati, reti e campagne di tutta Europa (vedi elenco sul sito) – dopo ampio dibattito partecipato sono emerse le linee fondamentali della struttura, del formato e della metodologia di Firenze10+10.

I 5 pilastri e l’interconnessione
Sono stati definiti i 5 ambiti di lavoro (o “pilastri”) entro i quali sviluppare un primo livello di convergenze per l’azione. A questi 5 pilastri ne sarà affiancato un sesto: un gruppo trasversale di interconnessione aperto a tutti, che cercherà di far emergere una proposta comune di azione per il breve termine e una proposta di strategia di lungo termine (da presentare alla conclusione delle giornate di Firenze).

I 5 pilastri - ciascuno dei quali si organizzerà nelle prossime settimane attraverso una mailing list e una sezione dedicata sul sito – sono:

1) Democrazia in Europa Costruzione di un “processo costituente” democratico dal basso e sviluppo di un patto e di un’assemblea europea dei cittadini; ricostruzione delle istituzioni europee al di fuori degli attuali trattati non democratici; migranti e cittadinanza europea di residenza; barriera democratica contro l’estrema destra, il neo-fascismo e il razzismo; ricostruzione della solidarietà sociale.

2) Finanza - debito – austerità “Tribunale del debito”, audit del debito; campagne contro le politiche di austerity e il fiscal compact; tassa sulle transazioni finanziarie; ecc.

3) Lavoro e diritti sociali Lavoro e diritti sociali ai tempi della globalizzazione neoliberista e dell’austerità; sviluppo sociale sostenibile; patto sociale; reddito adeguato (salari, protezione sociale) ecc.

4) Beni comuni naturali e sociali + servizi pubblici
Fra cui terra, cibo, acqua, energia, clima e agenda post-Rio; la difesa dei territori contro le grandi opere inutili imposte; beni comuni sociali e difesa e reinvenzione dei servizi pubblici.

5) Europa nel Mediterraneo e nel mondo
Pace e sostegno alle lotte per diritti e democrazia; Guerra / pace e giustizia sociale; cooperazione internazionale e solidarietà, il commercio equo; la denuclearizzazione del Mediterraneo; il controllo sul commercio di armi; le rivoluzioni arabe; fermare le occupazioni; relazioni tra le diverse culture e identità (costruzione di un ponte verso il Forum sociale mondiale 2013 in Tunisia e verso il FSMPalestina libera in Brasile).
La dimensione di genere è trasversale a tutti i pilastri.

Le giornate di Firenze
La struttura di Firenze 10+10 sarà così definita (per il dettaglio vedi schema allegato):

– giovedì 8 novembre: mattina accoglienza partecipanti e sessione di apertura; momento pranzo e convivialità; pomeriggio attività autorganizzate; tardo pomeriggio spazio di convergenza dei 5 pilastri; sera attività culturali e animazioni

– venerdì 9: mattina attività autorganizzate; pranzo e convivialità; pomeriggio attività autorganizzate; tardo pomeriggio spazio di convergenza per la proposta di azione e proposta di strategia comune; sera attività culturali e animazioni;

- sabato 10: mattina ed eventualmente primo pomeriggio presentazione del lavoro e delle proposte d’azione dei pilastri (in forma sequenziale per temi o attraverso un m o m e n t o unico da c o s t r u i r s i con metodologia innovativa); tardo pomeriggio Firenze 10+10 “in piazza” (modalità da definire); sera festa in piazza

– domenica 11: momento finale e chiusura (modalità da definire). Pomeriggio: possibilità di incontro Alter Summit e della rete verso il WSF. Sono state individuate le seguenti scadenze per il processo preparatorio:

1) 20 settembre – apertura delle mailing list relative ai 5 pilastri + mailing list di interconnessione per l’azione;

2) 24 settembre – apertura dell’iscrizione per partecipanti e organizzazione e delle proposte di attività e azioni comuni

3) 20 Ottobre – chiusura delle iscrizioni

4) 31 Ottobre – finalizzazione del programma

Budget e contributo dei partecipanti
Firenze 10+10 è un evento autofinanziato ed autorganizzato; per questo il contributo dei partecipanti (individui e organizzazioni) è fondamentale per renderlo possibile e perché sia di tutti coloro che lo costruiscono. Il contributo suggerito è di 20 euro per ciascun individuo, ma naturalmente chi non ha la possibilità di farlo potrà contribuire nella misura che ritiene giusta mentre chi può contribuire con una somma maggiore è pregato di farlo. Le organizzazioni, i gruppi e le reti sono invitate a contribuire con almeno 50 euro, in aggiunta alla quota dei propri aderenti. Sul sito, a partire dal 24 settembre, sarà possibile pagare online al momento della registrazione. È importante farlo prima dell’evento. Per i proponenti delle attività, i costi delle sale saranno specificati sul sito. Budget e aggiornamenti sulla raccolta dei contributi saranno altresì disponibili pubblicamente sul sito.

Fondo di solidarietà
Per coloro che hanno bisogno di un fondo di solidarietà che permetta di partecipare a Firenze 10+10 si attiveranno canali diretti fra le organizzazioni e le reti. Il comitato promotore, oltre a facilitare immediatamente questa connessione, si impegna ad attivare modalità per favorire la partecipazione dall’est e dal sud Europa, compresa la ricerca fondi.

FB152_FB16 15/10/12 06:14 Pagina 16

 

Diffondi questo articolo:


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>