Mattinata di lotta: due palazzine occupate da sfrattati e senza casa

Mattinata di lotta e riappropriazione oggi a Firenze. DUE PALAZZINE OCCUPATE da sfrattati e senza casa. Una in via Ponte alle Mosse di proprietà di un privato. L’altra in via Corridoni 45, di proprietà di una holding finanziaria che incassa ogni mese la rendita di 3000 contratti di affitto.

Di seguito, il volantino distribuito stamattina durante l’occupazione della palazzina in via Corridoni 45:

ABBIAMO OCCUPATO 3 APPARTAMENTI LASCIATI SFITTI DI PROPRIETA’ DELL’ “EXCELSIA NOVE”, PARTE DI UNA HOLDING FINANZIARIA CHE FA AFFARI MILIONARI IN TUTTO IL MONDO.

MENTRE QUESTI SIGNORI INCASSANO SOLO IN EUROPA LA RENDITA DI CIRCA 3000 CONTRATTI DI AFFITTO E LASCIANO SFITTI INTERI EDIFICI, NOI VENIAMO SFRATTATI DALLE NOSTRE CASE. SIAMO STANCHI DI SENTIRCI RACCONTARE BALLE SULLA COSIDDETTA “CRISI”. NON SIAMO TUTTI “SULLA
STESSA BARCA”. ANCHE IN QUESTO PERIODO C’E’ CHI CONTINUA AD ARRICCHIRSI SULLA NOSTRA MISERIA. A NOI GLI SFRATTI E A LORO TANTE CASE DA LASCIARNE VUOTE. A NOI LAVORI SEMPRE PEGGIORI PAGATI SEMPRE MENO E A LORO LA RENDITA IMMOBILIARE E FINANZIARIA.

QUELLO CHE CI SIAMO PRESI E’ SOLO UNA PICCOLA PARTE DI QUELLO CHE CI RUBANO.

Firenze 2-6-2013 COMUNICATO STAMPA

PER IL PASSAGGIO DA CASA A CASA…

Stanche di essere raggirate, umiliate, e di vivere vagabondando ovunque, questa mattina sette famiglie sfrattate e senza-casa hanno OCCUPATO DUE PALAZZINE A FIRENZE,

I due palazzi hanno una storia particolare: Di una Holding finanziaria milanese la prima, in Via Corridoni 45, una di quelle società che speculano e si arrichiscono sui PATRIMONI in tutto il territorio nazionale…

La seconda abbandonata da anni, in Via Ponte alle Mosse 62, di una famiglia privata che ha lasciato gli alloggi alla mercè di piccioni e abbandono…

Non ci sno stati episodi di tensione con e forze dell’ordine se non nella occupazione di Via Ponte alle Mosse dove il proprietario ha cercato di provocare insistentemente le famiglie occupanti e i militanti del movimento.

Il proprietario ha asserito, infatti, che nei limitrofi laboratori i dipendenti saranno messi in Cassa Integrazione per colpa del movimento di lotta per la casa, a queto proposito precisiamo che:

1- I laboratori hanno altri ingressi e non sono comunicanti con gli alloggi…
2- Abbiamo occupato solo gli alloggi all’ultimo piano pe rendere visibile le distanze che separano la ditta con gli appartamenti…
3- Non abbiamo toccato magazzini ne laboratori, e la scusa del ricatto sul lavoro è demenziale…

Avevamo annunciato alle istituzioni tutte, Comune e Prefettura che saremmo stati disponibili a un confronto serrato sulle politiche del diritto all’abitare, avevamo chiesto l’immediato BLOCCO DI SFRATTI E SGOMBERI DEGLI STABILI OCCUPATI, il tutto è restato LETTERA MORTA e per giugno sono previsti 140 sfratti esecutivi…

Per queste ragioni stanchi di subire politiche di enormi sacrifici economici e di vita ABBIAMO OCCUPATO…per affermare il diritto alla casa e al futuro,

GLI OCCUPANTI DI QUESTA MATTINA
CON IL SOSTEGNO DEL MOVIMENTO DI LOTTA PER LA CASA

da:CortocircuitO

Diffondi questo articolo:


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>