LA MATTINA IN PIAZZA SANT’AMBROGIO

 Mi sveglio; mi sento molto bene.
Le cinque del mattino.
Sento cantare passeri, merli, cornacchie e gabbiani.
L’aria è fredda, albeggia; ed è più calda l’aria.
Nuvole in cielo, colori in cielo.
Il cielo è azzurro. I furgoni del Quadrifogio
e gli operatori ecologici al lavoro.
Le luci pubbliche sono accese.
Ed eccoci a vedere camion, furgoni, moto, scooter,
biciclette e furgoncini che gravitano nel quartiere
a scaricare merci varie e ad accompagnare categorie protette.
Due non vedenti, a piedi, per entrare in uffici
hanno bisogno di aiuto; noi, pratici del quartiere,
gli diamo una mano.
Loro ci ringraziano.
E’ bello tutto questo; ed io ne sono felice e contento.

 

Enzo Casale

Diffondi questo articolo:


Un pensiero su “LA MATTINA IN PIAZZA SANT’AMBROGIO

  1. Conosco Enzo da poco, ma averlo incontrato mi rende una privilegiata .Un uomo, che da una vita di sofferenza e travagli a volte terribili , cerca di salvare i ricordi più belli .Spesso la solitudine e il senso di abbandono lo fanno entrare nel labirinto della disperazione, ed allora si guarda intorno alla ricerca di due occhi amici .Altrimenti scrive ,e questa è la sua massima espressione di comunicazione.Grazie Enzo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>