“Nessuno deve rimanere indietro”

In primo piano

COMUNICATO SULLA MANIFESTAZIONE UNITARIA DEL 30 MAGGIO 2020 A FIRENZE

Il 30 maggio 2020, a Firenze, una bella manifestazione di mille persone promossa dai sindacati di base di Firenze e da molte organizzazioni politiche e sociali di lotta antagonista, con in testa due striscioni unitari con scritto “reddito, diritti e salute per tutte e tutti. Ogni giorno è il primo maggio” e “salute, ambiente, lavoro, reddito, diritti, scuola. Lottare e ripartire”, è partita dal presidio sanitario di Firenze Santa Rosa, simbolico perché tenuto aperto grazie alle lotte popolari e ha percorso i lungarni con mascherine e distanziamento ma soprattutto con la determinazione di chi da anni lotta contro un modello economico cinico e iniquo, perché sfrutta persone e risorse e specula sui diritti fondamentali; una verità che la pandemia ha svelato alle masse in modo inequivocabile, e ci consente di dare nuovo slancio propositivo a un percorso atto a superare un sistema barbaro come quello capitalista.
Emblematico il grande schieramento di forze dell’ordine davanti all’emporio del lusso di Ferragamo e davanti all’Ambasciata Americana, a dimostrazione di quali siano i veri padroni di questo paese.
Ringraziamo Controradio, Stamptoscana.it e soprattutto Radio Wombat che ha trasmesso in diretta cronaca e interventi, per aver dato evidenza alla iniziativa, mentre stigmatizziamo la censura mediatica che la stampa e i media borghesi hanno esercitato servendo le direttive del regime ma perdendo l’occasione di dare finalmente voce a donne e uomini di questa città.
Ci siamo mobilitati
con una ripartenza dal basso di cui tanta parte di Firenze sentiva il bisogno, in una manifestazione colorata e unitaria, tantissime sono infatti le realtà di lotta che hanno partecipato alla giornata, ognuna con le proprie caratteristiche e le proprie parole d’ordine ma tutte convinte della necessità di contrastare il morbo sociale del capitalismo in nome della uguaglianza, per conquistare la dignità e il futuro che spetta di diritto alle classi proletarie e operaie.
Abbiamo appena cominciato.

Cobas Sanità Università Ricerca, Usb Firenze, Cub Firenze, Cobas Firenze, Usi Cit Firenze, Collettivo Politico 13 Rosso, Presidio No Inceneritori No Aereoporto, Assemblea Beni Comuni/Diritti, Comitato San Salvi Chi Può, Cantiere sociale Camilo Cienfuegos, Collettivo di Unità Anticapitalista Firenze, Movimento di Lotta per la Casa di Firenze, Csa Next Emerson, Unione Inquilini Firenze, Ateneo Libertario, Comitato No Tunnel Tav Firenze, Rete Antisfratto Fiorentina, Lotta Continua Firenze, Assemblea Autoconvocata Lavoratrici e Lavoratori del Sociale, Comitato Kurdistan Firenze, Associazione di Amicizia Italopalestinese, Medicina Democratica Firenze, Alleanza Beni Comuni Pistoia, LAST – Lavoratori e Lavoratrici Autorganizzati dello Spettacolo, Biblio-precari Firenze, Comitato provinciale Firenze Pmli, Partito Comunista Firenze, Fgci Firenze, Potere al Popolo Firenze, Fuori Binario, Partito della Rifondazione Comunista Firenze, Cpa Firenze Sud, Colpol, Collettivo Krisis, Rete Collettivi Fiirentini, Studenti di Sinistra, Forum Toscano per l’acqua.

CALL CENTER DI KETHANE!

In primo piano

Da martedì 26 maggio è attivo il call center di Kethane!
Chiama il 3516320920
Dal lunedì al venerdì
Dalle 10:00 alle 18:00

Chiama la nostra operatrice (con cui potrai parlare in Romanes o in italiano) per chiarire ogni dubbio sugli accessi agli aiuti governativi!
Un sostegno pratico e concreto per presentare domande, riempire moduli e avviare iter burocratici.

Kethane con te, Kethane per te, insieme! #kethanerisponde

 

Idee per la Firenze del futuro? Molto confuse…

In primo piano

su repubblica di ieri è apparsa una lettera che ci riguarda:

Idee per la Firenze del futuro: cosa chiedono i lettori di Repubblica

Recuperiamo la stanza di piazza Tasso

Simona B.
In via del Leone angolo piazza Tasso c’è una piccola stanza e un cortile di proprietà comunale e un fondo comunicante con la strada, continuamente appetito da centri sociali. I residenti, vi assicuro,  preferirebbero di gran lunga che lo spazio fosse utilizzato dalla scuola elementare di via della Chiesa  per attività all’aperto, in orario diurno quindi e con la  supervisione delle maestre. Inoltre in fondo che comunica direttamente con la strada è stato occupato e quindi un tale cambio di uso sarebbe importante  per la sicurezza.

 rispondiamo…

Cara Simona,
siamo il Laboratorio Diladdarno, un gruppo di cittadini che hanno a cuore le sorti dell’Oltrarno, il quartiere in cui viviamo. Abbiamo letto con stupore il tuo messaggio inviato a La Repubblica Firenze, in cui si afferma che il fondo situato all’angolo tra piazza Tasso e via del Leone, meglio conosciuto come la “Stanzina dei bambini”,  sia stato occupato, e che tale spazio sia appetito “di centri sociali”.

Siamo stati tra i primi, nel settembre 2019, a chiederci come mai quel luogo, da decenni dedicato alle attività rivolte all’infanzia, fosse abbandonato. Ci siamo informati con i nostri vicini e abbiamo scoperto che il motivo della chiusura era dovuto principalmente all’amministrazione comunale: questa nel 2015 lo aveva chiuso per lavori di ristrutturazione per non riaprirlo mai più.

Abbiamo dunque avviato un percorso perché la stanzina fosse restituita al quartiere, perché anche noi, come lei, vorremmo fosse gestita dalla comunità, insegnanti compresi, e che possa tornare al suo vecchio utilizzo. Abbiamo fatto richiesta formale di riapertura, abbiamo incontrato il presidente del Quartiere 1 e l’assessore al patrimonio non edilizio, in cambio abbiamo ricevuto solo risposte vaghe, sebbene dagli atti la “Stanzina” risulti già ristrutturata già da due anni. Solo dopo ripetute proteste siamo riusciti a sbloccare in parte la situazione: il consiglio comunale ha infatti approvato una mozione che intima la riapertura della stanzina.

Attualmente questa è stata data in gestione all’associazione “Periferie al centro ODV”, con la quale stiamo collaborando per far fronte alla crisi alimentare dovuta al coronavirus. Sono centinaia le persone dell’Oltrarno che l’associazione sta aiutando con pacchi gratuiti di cibo, che vengono distribuiti dalla “Stanzina dei bambini”. Dunque nessuna “occupazione”, ma “restituzione”, come d’altronde recita il bandone che abbiamo affisso: “non per noi ma per tutti/e”. Nessun “appetito di centri sociali”, ma la voglia di rendere nuovamente fruibile per la comunità un bene che era stato colpevolmente chiuso dall’amministrazione comunale, non si sa bene per quale motivo.

Siamo in un paese dove si tende fin troppo ad essere condiscendenti e poco critici con le scelte di chi detiene il potere, anche quando queste sono ingiuste; e dove si tende ad essere pronti a puntare il dito quando chi subisce quelle ingiustizie si organizza per porvi fine. Non scada anche lei in questo triste, italianissimo, luogo comune. Venga a trovarci nellaStanzina dei bambini”, partecipi anche lei alla restituzione di un bene comune ad un’intera comunità.

Speriamo a presto,

Laboratorio Diladdarno

In distribuzione il numero 219 APRILE/MAGGIO 2020: dove trovare Fuori Binario

In primo piano

Firenze, di solito il giornale viene venduto in luoghi fissi, quali supermercati e poste, per creare familiarità e favorire il dialogo tra venditori e acquirenti.
Tuttavia vi capiterà spesso di poter acquistare il giornale anche in occasione di manifestazioni…

lo troverete:

Giovanni M. – Piazza Tasso – Piazza del Carmine
Nanu G. - 
Borgo S.Lorenzo – Stazione Campo di Marte
Cezar T. – Ponte Vecchio – S. Spirito
Raffaele e Clara -  Pontassieve e Livorno – Oblate – Murate – Obihall
Marcel T. -  Feltrinelli Cerretani – IBS libraccio
Teodor S. – 
Feltrinelli Red  P.zza Repubblica – Coop Via Gioberti
Salvatore O. - Piazza Le Cure
Berisa S. - Zona Novoli tribunale – V.le XI Agosto
Daniel P. -  S.M.N. scalette

Appello di 100 medici

Appello di 100 medici: basta fake online sul virus

Una coincidenza singolare. Mentre si insedia il comitato di controllo indipendente di Facebook, ribattezzato “Corte suprema dei contenuti”, arriva la lettera aperta firmata da oltre cento medici che combattono in prima linea il coronavirus e diretta soprattutto al social network. “In qualità di medici, infermieri ed esperti sanitari di tutto il mondo, siamo qui per dare l’allarme. Il nostro lavoro è quello di mantenere le persone in salute. Ma in questo momento ci troviamo di fronte non solo alla pandemia di COVID-19, ma anche a una infodemia globale, notizie false che circolano viralmente sui social media mettendo a rischio vite umane in tutto il mondo”, esordisce la petizione. 


Fra i firmatari ci sono luminari e personale ospedaliero statunitense, europeo, sudamericano, compresi tre italiani: Matteo Bassetti del Policlinico San Martino in Genova, Giovanni Maga dell’Istituto Genetica Molecolare del Cnr e Andrea Crisanti, del dipartimento di Medicina Molecolare Unipd. «Ho avuto a che fare con pazienti che volevano affrontare il cancro con il bicarbonato», spiega Maga. «E altri che erano stati convinti online che la causa dell’Aids era nei farmaci e quindi semttevano di prenderli anche se positivi. Quando si è disperati è facile farsi abbagliare dalle frottole». 

 La lettera ricorda anche le storie che affermano che la cocaina è una cura, o che il Covid-19 è stato sviluppato come arma biologica dalla Cina o dagli Stati Uniti, si sono diffuse più velocemente del virus stesso. Le grandi aziende dei social media hanno provato ad agire, eliminando alcuni contenuti quando segnalati, e permettendo all’Organizzazione Mondiale della Sanità di pubblicare inserzioni gratuitamente.


Promossa dall’associazione non governativa Avaaz, l’appello punta il dito contro i colossi del Web colpevoli, secondo lei, di non fare abbastanza per frenare lo “tsunami di contenuti falsi sul coronavirus”. I toni sono quelli della crociata, in particolare nei confronti di Facebook. Si chiede di introdurre la rettifica. “Significherebbe avvisare e mandare una notifica a ogni utente che ha visto o interagito con post di disinformazione medica sulle loro piattaforme, e mettere a disposizione una rettifica ben strutturata, verificata correttamente e indipendentemente — uno strumento che aiuti ad evitare che gli utenti siano ingannati da bugie pericolose.

Oltre a “disintossicare” gli algoritmi che decidono cosa mostrare agli utenti. “Queste grandi aziende hanno facilitato la diffusione delle idee e ne hanno tratto guadagno, hanno ora lo straordinario potere e la responsabilità di contrastare la fatale diffusione della disinformazione e di impedire che i social media rendano le nostre comunità più malate. Per salvare vite umane e ripristinare la fiducia nella sanità basata sulla scienza, i giganti della tecnologia devono smettere di dare ossigeno a menzogne, diffamazioni e fantasie che minacciano tutti noi”.

La Avaaz, che in persiano significa “il suono che rompe il silenzio”, è nata a New York nel 2007 e si batte da anni sul fronte dei diritti. Al centro di alcune polemiche sulla natura dei finanziamenti che avrebbe ricevuto in maniera indiretta da George Soros, negli ultimi tempi ha concentrato i suoi sforzi sui social media attaccando Google come Facebook.

Fonte: La Repubblica