APPELLO DI MOBILITAZIONE

CONTRO LA VIOLENZA RAZZISTA E CRIMINALE – SOLIDARIETA’ A MARCELLO ZUINISI E ALLA COMUNITA’ ROM

Appello alle persone e alle associazioni solidali
Solidarietà contro la violenza razzista e criminale

Mercoledì 12 febbraio Marcello Zuinisi, legale rappresentante dell’Associazione Nazione Rom, è stato vittima di una brutale aggressione razzista a Pontassieve da parte di un criminale locale, già protagonista di azioni fasciste e violente. Questo episodio si lega in qualche modo a una serie di aggressioni razziste e antisemite accadute nelle ultime settimane a livello nazionale, in un contesto in cui tanta gente sta iniziando a contrastare la crescente cattiveria e odio.
A tutte queste persone facciamo appello, persone di buona volontà, alle sardine, a tanta gente di sinistra, solidale, antifascista, antirazzista, alle tante e ai tanti volontari presenti in questa città, alle associazioni e alle organizzazioni solidali , a chiunque abbia a cuore la vita umana e la sua difesa, a reagire insieme per fermare, combattere e isolare la violenza razzista e fascista per il bene e la sicurezza di tutte e di tutti.
Per questo promuoviamo un presidio unitario a Pontassieve:
Largo Garibaldi (di fonte a piazza Cairoli) sabato 15 febbraio dalle 11 alle 14
Per aderire: csutopia@tiscali.it
Prospettiva Edizioni, via Aretina n. 20 – 055/8313788
Casa al Dono n. 96, Reggello (Vallombrosa – FI) – 055/8622391

Copromuovono:
La Comune (Pontassieve); Associazione Nazione Rom
Prime adesioni:
Unicobas Toscana, Centrosinistra per Londa,

——

CONTRO LA VIOLENZA RAZZISTA E CRIMINALE – SOLIDARIETA’ A MARCELLO ZUINISI E ALLA COMUNITA’ ROM
Ci uniamo a tutte le associazioni, le forze e le persone solidali e antirazziste per reagire assieme e unirci contro l’odio, la cattiveria e la violenza razzista in ragione della ricerca di una pacifica e positiva convivenza umana.

 

Appello

In primo piano

Ciao a tutte/i
Fuori Binario giornale di strada di Firenze autogestito e autofinanziato da 25 anni, si ritrova in questo momento a fare i conti con un periodo di crisi finanziaria.
Rivolge quindi un appello ai suoi lettori e a quanti ne hanno a cuore la prosecuzione a sottoscrivere un abbonamento annuale per un minimo di 30,00€, oppure un contributo come sostenitore a piacere.

Queste le coordinate per effettuare un bonifico postale alla Associazione che da sempre lo gestisce

* C.C.P. N. 20267506 INTESTATO A: *

*Associazione Periferie al Centro via Del Leone 7650124 Firenze*

*Codice IBAN IT08 G076 0102 8000 0002 0267 506*

Grazie a tutte/i voi per il vostro contributo!

La redazione di Fuori Binario

In distribuzione il numero 217 gennaio/febbraio 2020: dove trovare Fuori Binario

Firenze, di solito il giornale viene venduto in luoghi fissi, quali supermercati e poste, per creare familiarità e favorire il dialogo tra venditori e acquirenti.
Tuttavia vi capiterà spesso di poter acquistare il giornale anche in occasione di manifestazioni…

lo troverete:

Giovanni M. – Piazza Tasso
Nanu G. - 
Borgo S.Lorenzo – Stazione Campo di Marte
Cezar T. – Ponte Vecchio
Raffaele e Clara -  Pontassieve e Livorno – Oblate – Murate – Obihall
Marcel T. -  Feltrinelli Cerretani – IBS
Teodor S. – 
Feltrinelli Red  P.zza Repubblica – Coop Via Gioberti
Salvatore O. - Piazza Le Cure
Berisa S. - Zona Novoli tribunale – V.le XI Agosto

In distribuzione il numero 216 dicembre 2019: dove trovare Fuori Binario

Firenze, di solito il giornale viene venduto in luoghi fissi, quali supermercati e poste, per creare familiarità e favorire il dialogo tra venditori e acquirenti.
Tuttavia vi capiterà spesso di poter acquistare il giornale anche in occasione di manifestazioni…

lo troverete:

Giovanni M. – Piazza Tasso
Nanu G. - 
Borgo S.Lorenzo – Stazione Campo di Marte
Cezar T. – Ponte Vecchio
Raffaele e Clara -  Pontassieve e Livorno – Oblate – Murate – Obihall
Marcel T. -  Feltrinelli Cerretani – IBS
Teodor S. – 
Feltrinelli Red  P.zza Repubblica – Coop Via Gioberti
Salvatore O. - Piazza Le Cure
Berisa S. - Zona Novoli tribunale – V.le XI Agosto

Non ci arrendiamo!

Nel primo anniversario dall’uccisione di Idy Dyene sul ponte Vespucci il mondo antirazzista e antifascista fiorentino ha voluto mettere un segno sul luogo dell’omicidio per non dimenticare, perché Firenze conservi sempre la memoria delle vittime del razzismo. Oggi una mano vigliacca e razzista vuole cancellare quella memoria, e i valori di libertà e di uguaglianza che tengono vivo il ricordo delle vittime. Un’offesa a Idy e a tutti coloro che hanno subito e subiscono la violenza del razzismo, un’offesa anche alle cittadine e ai cittadini di Firenze che difendono con forza la loro città dalla minaccia fascista. NON CI ARRENDIAMO! LA TARGA PER IDY TORNERA’ DOV’ERA, CI RITROVEREMO IN TANTI PER DIRE CHE NON DIMENTICHIAMO!

Firenze risponde all’ignoranza e al razzismo dei miserabili. Firenze resta e resterà UMANA!

Contro il clima di odio e intolleranza le associazioni fiorentine convocano un presidio il 16 novembre e una manifestazione nazionale il 13 dicembre, nell’anniversario della strage di piazza Dalmazia

Firenze, 13 novembre 2019 – Una sequenza inquietante.

L’atto vandalico contro la targa dedicata alla memoria di Idy Diene sul Ponte Vespucci domenica, l’aggressione al giovane rifugiato nigeriano nel sottopasso delle Cure, e l’arresto di un gruppo di estremisti razzisti che stava pianificando un assalto al centro islamico di Colle Val d’Elsa.

Aggressioni omofobe, razziste, violente sono inaccettabili. La già preoccupante serie di fatti denunciati in varie parti del paese, evidenziano un crescente clima di tensione che attraversa purtroppo anche Firenze. Noi non ci arrendiamo all’idea che la nostra città finisca in questo vortice di violenza e per questo ci impegneremo sempre nel costruire una realtà diversa e migliore, partendo dalle nostre esperienze di aggregazione, solidarietà e dialogo sul territorio.

 Apprendiamo con piacere l’annunciato ricollocamento della targa per Idy Diene da parte di un “anonimo benefattore” come confermato ieri dall’assessore Cristina Giachi, così come l’istituzione di un tavolo e un patto sociale contro il razzismo annunciato dal Sindaco Nardella, che le associazioni firmatarie avevano chiesto già da marzo scorso.

Chiediamo che il 13 dicembre, anniversario della strage di piazza Dalmazia, diventi l’occasione per una mobilitazione e una riflessione che parta da Firenze e che abbia una dimensione nazionale, per condividere azioni concrete contro il clima di odio e intolleranza e perchè Firenze diventi l’esempio da seguire per altre città italiane.

Invitiamo intanto il Comune e tutta la popolazione al presidio che si terrà sabato 16 novembre alle ore 15 sul Ponte Vespucci.