Art. 1: L’Italia è…

Art. 1
L’Italia è una Repubblica
democratica,
fondata sul
lavoro. La sovranità
appartiene al popolo,
che la esercita
nelle forme e nei
limiti della Costituzione.
Art. 4
La Repubblica riconosce
a tutti i cittadini
il diritto al lavoro
e promuove le
condizioni che rendano
effettivo questo
diritto. Ogni cittadino
ha il dovere
di svolgere, secondo
le proprie possibilità
e la propria scelta,
un’attività o una
funzione che concorra
al progresso
materiale o spirituale
della società.

Per non perdersi

CENTRI ASCOLTO INFORMAZIONI

A.S.S.A. (Ass. Speranza Solidarietà AIDS):
Via R. Giuliani, 443 Tel. 453580
C.I.A.O. (Centro Info Ascolto Orientamento) Via delle Ruote, 39 -orario 9,30-13,00 pomeriggio su appuntamento – Tel. 4630876, associazioneciao@gmail.com.
CARITAS Diocesana Firenze:
Centro d’Ascolto per Stranieri  Responsabile: Elsa Dini
Via Faentina 34 – 50133 Firenze Tel: 055 46389273 Fax: 055 46389271 cdastranieri@caritasfirenze.it - Aperto al pubblico: lunedì dalle 14.30 alle 17.00, mercoledì e venerdì dalle 9.00 alle 12.00 (all’apertura vengono distribuiti i numeri, conviene, quindi, arrivare qualche minuto prima)
Centro d’Ascolto per Italiani: Responsabile: Gabriella Nardi Via Faentina 34 – 50133 Firenze
Tel: 055 46389274 Fax: 055 46389283 cdaitaliani@caritasfirenze.it
Aperto al pubblico: martedì e giovedì dalle 9.00 alle 12.00

Centro Medico Niccolò Stenone:
Direttore Sanitario: dr. Riccardo Poli
Associazione Niccolò Stenone – ONLUS Via del Leone 35 – 50124 Firenze
Tel: 055 214994 stenone@caritasfirenze.it  Orario degli ambulatori: dal lunedì al venerdì, dalle ore 15.00 alle ore 19.00
CENTRO ASCOLTO CARITAS: Via Romana, 55 – Lun, mer: ore 16-19; ven: ore 9-11.
CENTRO ASCOLTO CARITAS: Via San Francesco, 24 Fiesole – Tel. 599755 Lun. ven. 9 -11; mar. mer. 15 -17.
PROGETTO ARCOBALENO: V. del Leone, 9 – Tel. 288150.
SPORTELLO INFORMATIVO PER IMMIGRATI: c/o Circolo arci “il Progresso” Via V. Emanuele 135, giovedì ore 16 – 18,30.
Continua a leggere

Diario di città

Diario di cittàQuella che vi presento è un’idea nata un po’ di tempo fa mentre lavoravo presso un centro d’accoglienza per persone con problematiche abitative. Entrando in contatto con loro mi si è aperto un mondo nascosto che non conoscevo, fatto di una miriade di sfaccettature. Con alcune di loro sono riuscito a fare amicizia e a raccontarci le nostre vicissitudini. Per cui ciò che vogliamo fare, in effetti è molto semplice: raccogliere testimonianze di vita di persone che vivono il nostro territorio cittadino di qualsiasi tipo di appartenenza sociale, linguistica, lavorativa o religiosa, quello che è importante è IL RACCONTO.
Il titolo che abbiamo dato a questa rubrica è:
Continua a leggere

Mormodou, una terapia popolare

Acquisire abilità mentali per meglio organizzare la propria vita. I pensieri, le emozioni, le sensazioni sono come degli ospiti che ci vengono a trovare, dobbiamo farli accomodare tutti, senza rifiutare quelli spiacevoli ed accettare solo quelli piacevoli, osservarli, offrire loro da bere e mangiare, poi salutarli, senza seguirli. È un percorso, per cambiare il modo di relazionarsi alla nostra esperienza personale, che ha una prospettiva multiculturale, sociale ed ecologica. Sono nove tappe, la prima introduttiva, di circa due ore ciascuna.
Continua a leggere

Scopri il gioiello che è in te

Scopri il gioiello che è in te

Nei mesi di aprile-maggio si è tenuto a Sollicciano, al femminile, un laboratorio che ha impegnato una quindicina di detenute.
Durante il corso, che era finanziato dalla Provincia e si è svolto con l’assistenza di tutor ed esperte sul tema… “Scopri
il gioiello che è in te”, le ragazze hanno creato dei semplici “gioielli” con l’utilizzo di materiale povero, oltre a seguire (teoria
e pratica) delle lezioni basilari di estetica. Erano presenti anche alcune volontarie articolo 17 della Pantagruel (ndr).

Continua a leggere

Urla a bassa voce

urla a bassa voceÈ in libreria dal 29 agosto “Urla a bassa voce, dal buio del 41 bis e finepenamai”, edito da Stampalternativa, e curato da Francesca de Carolis, con prefazione di Don Luigi Ciotti.
“Urla a bassa voce, con le sue voci dal buio, è un libro importante e necessario. Ci costringe ad aprire gli occhi di fronte a una realtà che non ci piace. Ci obbliga a conoscere ciò che non vorremmo sapere, realtà che vorremmo tenere distanti dalla nostra vita e che – di fatto – ci riguardano” così Don Luigi Ciotti nella prefazione al libro.
Continua a leggere

Suicidio nel carcere di Udine: la storia non raccontata

carcere di udineAlessandro Marchioro, nato a Padova nel 1960, era un operaio metalmeccanico, con problemi mentali di “media gravità “. In cura presso i Servizi Territoriali, ha sempre vissuto con i genitori, che sopportavano in silenzio il suo comportamento irascibile e a volte violento.
Continua a leggere

Cos’è l’ergastolo ostativo

ergastolo ostativoÈ una pena senza fine che in base all’art. 4 bis dell’Ordinamento Penitenziario, mod con Legge 356/92, nega ogni misura alternertiva al carcere e ogni beneficio penitenziario ai chi è stato condannato per reati associativi:
“Pochi sanno che i tipi di ergastolo sono due: quello normale, che manca di umanità, proporzionalità, legalità, eguaglianza ed educatività, ma ti lascia almeno uno spiraglio; poi c’è quello ostativo, che ti condanna a morte facendoti restare vivo, senza nessuna speranza.
Continua a leggere

Ciao Barbarina

Barbara Lari, “Barbarina” per le amiche e gli amici, ci ha lasciato. Un male incurabile le ha portato via la sua giovane vita… Barbara ha fatto parte di quel manipolo di compagne e compagni che alla fine degli anni ‘70 e nei primi anni ‘80 non si sono arresi, non hanno scelto scorciatoie, e hanno ricostruito vincoli di mutuo soccorso tra eguali, riannodando i percorsi autonomi e antagonisti. Anni difficili che ci hanno visto impegnati a riprendere il lavoro territoriale, a lottare per la chiusura del ciclo nucleare, dal Brasimone a Montalto di Castro, per la chiusura dei manicomi giudiziari come Montelupo Fiorentino…
Continua a leggere