Esodati

L’approvazione della legge di stabilità non annulla il numero dei senza lavoro e senza pensione A differenza di quanto i maggiori canali d’informazione hanno dato ad intendere, il problema esodati non è per nulla risolto e vede una stima di 260 mila persone ancora senza tutela. Facciamo un po’ di chiarezza: poco più di un anno fa s’insedia il Governo Monti e il ministro Fornero nel giro di pochi giorni emana una riforma delle pensioni che, per sua stessa ammissione, presenta molti buchi normativi, tanto da lasciare migliaia di persone senza lavoro e senza pensione. La magagna è dovuta al fatto che un allungamento dell’età pensionabile mette in seria difficoltà tutte quelle persone che dopo aver perso il lavoro, magari addirittura a seguito di accordo con l’azienda, erano in procinto di ‘agganciarsi’ alla pensione alla fine del periodo di mobilità o con il pagamento di contributi volontari, o addirittura con entrambi i meccanismi. In tutte le situazioni analoghe precedenti il legislatore aveva tenuto conto di chi, ormai fuori dal mondo del lavoro, aveva intrapreso un percorso che li avrebbe portati alla pensione, tutelandoli dai provvedimenti di legge successivi al licenziamento; ma la riforma Fornero non ha quest’accortezza ed il Ministero del Lavoro stima inizialmente i soggetti penalizzati in circa 60 mila. Altre fonti sindacali ed INPS arrivano invece a
Continua a leggere