In tempi di crisi e di ingiustizie…

riceviamo e pubblichiamo:

Questa mattina una cinquantina di aderenti al movimento di lotta per la casa hanno denunciato e SEGNALATO il grande patrimonio sfitto del centro cittadino successivamente sono tornati in Piazza Signoria per rivendicare la liberta’ di MANIFESTARE e hanno continuato a manifestare alla Galleria degli Uffizi al Ponte vecchio e hanno chiuso sotto l’uffcio casa di via dell’Anguillara…perchè chi non LOTTA HA GIA’ PERSO…

DI seguito il volantino sui patrimoni disessi…

tanti antichi palazzi nel cuore della città…

Da alcuni mesi il bombardamento “mediatico” trasmettono la solita litania, nel quale gli occupanti degli stabili vengono raffigurati come “delinquenti abituali”…in una sorta di litania si impone un rituale quasi ossessivo, una finzione, nel quale il massacro politico di coloro che rivendicano un diritto minimo, quello di un tetto sulla testa, deve continuare senza esclusione di colpi…

Proviamo un attimo a invertire i ruoli: Pensiamo, immaginiamo che il VERO CRIMINE SIA LASCIARE INTERI PALAZZI VUOTI PER DECINE DI ANNI, in balia di piccioni e di tanto spreco…e allora si ricostruiscono le vere responsabilità del mercato della rendita e la speculazione che distrugge interi territori…

E allora troviamo un centro cittadino che ha allontanato, anche dai quartieri di San Frediano e Santa Croce migliaia di famiglie, che ha costruito case di lusso, per pochi eletti, “residences”, “bad and breakfeast”, uffici, circolazione di merci e quant’altro… Lasciando dietro di sè un numero consistente di palazzi abbandonati…

L’elenco è lungo, cominciamo da quelli che hanno sgomberato per lasciarli vuoti:

*Via De’ Benci 6, occupato nel 1995, era sfitto dal 1990, di proprietà INAIL, dopo venti anni è ancora completamente vuoto, le operazioni di vendita e di realizzazione di oltre 35 mini alloggi si sono perse nei meandri dei piani urbanistici…

*Via De’ Conciatori 2/4/6, Dopo quasi trenta anni di occupazione il Comune di Firenze mette all’asta un BENE COMUNE dell’intero quartiere, uno spazio di cultura e socialità, per consegnarlo a una piccola BANDA DI LADRONI che intanto fallisce, ovviamente tutto fermo e gli stabili in balia dei piccioni…

°Via dell’Anguillara 9, dopo avere sfrattato nel 2005 alcune famiglie e nel 2006 SGOMBERATO lo stabile da altre famiglie occupanti la DE TOMMASSI SRL, ras del mattone romana pensa di spaccare tutto lo stabile, un GIUDICE ferma lo scempio e ovviamente i lavori e lo stabile resta nell’abbandono..

* Via delle terme 22, qui lo sgombero di un gruppo di giovani occupanti risale al settembre del 1990, un quarto di secolo e il palazzo è ancora vuoto..

Per non dimenticare lo sgombero immediato di un palazzo in Via De’Servi avvenuto a mfebbraio dello scorso anno.. e le decine di altri palazzi sfitti…

CHI HA RAGIONE…CHI HA TORTO ? CHI COMMETTE IL REATO ?

infine in tempi di crisi e di ingiustizie…CHI HA PAURA DI CHI ?

IL MOVIMENTO DI LOTTA PER LA CASA

Agli zoppi … grucciate!!

È come risvegliarsi da un brutto sogno, purtroppo non è un sogno ma l’amara realtà che circonda la Firenze di oggi.
Il mese di maggio vede la bellezza di 130 esecuzioni FORZATE di sfratto. Un numero impressionante, una realtà che scatena la sua violenza sui ceti PRECARI dell’attuale società; dal numero di sfratti in esecuzione si evince quanto segue:
*Che non è stato concesso neanche un giorno di TREGUA PER LE ELEZIONI, abitudine ordinaria sempre esistita…
*Che il ricorso delle Associazioni delle Grandi e Piccole Proprietà immobiliari per qualche fortunato in attesa di casa popolare è stato accolto dal sempre più pericoloso Tribunale di Firenze, e quindi anche i pochi fortunati in attesa di edilizia pubblica devono aspettare fuori casa…
*Che il Comune di Firenze e le politiche governative in materia di edilizia sociale dovrebbero dichiarare il completo FALLIMENTO in materia di protezione degli abitanti colpiti dalla crisi con tanto di cartelli appesi ai vari Uffici Casa e Servizi Sociali sempre più inutili…
Intanto il quadro nazionale vede la prosecuzione della guerra contro il movimento per il diritto all’abitare con continui sgomberi di stabili occupati e l’avvio dell’applicazione dell’art. 5, per esempio a Firenze gli uffici non accettano più le RESIDENZE negli stabili occupati.
Un labirinto dal quale si esce unicamente raddoppiando lo sforzo di lotta e solidarietà tra eguali, di riappropriazione del DIRITTO A VIVERE, esercitando RABBIA E ORGANIZZAZIONE contro i troppi nemici che ci circondano.

SABATO 17 MAGGIO ORE 15,30
CONTRO LE POLITICHE DI MASSACRO SOCIALE E PER IL DIRITTO ALLA CASA …
TUTTE E TUTTI IN PIAZZA SAN MARCO

IL MOVIMENTO DI LOTTA PER LA CASA

ANCORA IN TRIBUNALE…

a tutti gli organi di informazione,   Firenze 14-6-2014

ANCORA IN TRIBUNALE…

Mercoledì 18 giugno alle ore 9 precise si svolgerà l’ennesimo processo contro il Movimento di Lotta per la Casa…

18 compagne/i e occupanti di casa devono rispondere del reato di BLOCCO STRADALE E INTERRUZIONE DI PUBBLICO SERVIZIO.

L’episodio ascritto si riferisce al 12 agosto 2011, il violento sgombero dello stabile Occupato di Viale Matteotti.

Quel giorno, senza alcun preavviso, centinaia di poliziotti “sgomberono” con la Forza un palazzo storico del movimento stesso. La cinquantina di compagni che riuscirono a raggiungere il palazzo stesso organizzarono delle forme di resistenza e di solidarietà  nei confronti degli occupanti che si barricavano all’interno dello stabile.

Dopo un mese una gran parte degli occucpanti del Viale Matteotti esercitò il DIRITTO ALLA LEGITTIMA DIFESA occupando due palazzi a Sesto Fiorentino della società Laurella. Una società Immobiliare che nella sua storia  è riuscita a truffare centinaia di macapitati inquilini…Il processo cade in un momento particolare di violenti attacchi contro il Movimento e sopratutto contro il diritto all’abitare…La Polizia con quell’azione scavalcò deliberatamente mesi di trattative tra il Comitato di Ocucpazione, il Comune e la stessa proprietà.
Continua a leggere

PRESIDIO AL TRIBUNALE

chi processa chi ?
martedì 17 dicembre ore 9,30 tutte e tutti in Tribunale Viale Giudoni
Martedì 17 dicembre si svolge la seconda udienza di uno degli innumerevoli processi contro occupanti e militanti del il Movimento di Lotta per la Casa…
Di scena, questa volta, l’occupazione di una palazzina in Via Baracca 21…gli imputati sono gli occupanti della palazzina stessa oltre al solito militante del movimento…
Sino a qui “normale amministrazione”…peccato che la prima udienza sia stata caratterizzata da violenti attacchi contro il movimento, contro la “povertà” degli occupanti, con richieste di condanne esagerate…il tutto in un clima di pesante intimidazione e di militarizzazione del tribunale stesso…
E’ proprio in momenti di espansione del conflitto, di allargamento delle battaglie a tutela dei bisogni collettivi che nessuna e nessuno deve essere lasciato sola/o.
gli imputati di Via Baracca 21, il movimento di lotta per la casa