Petizione: Venga rivisto il testo unico 1124/1965 che regola il risarcimento per gli infortuni e le morti sul lavoro.

L’assegno di rimborso UNA TANTUM  di spese funerarie, di euro 1936, 80 consegnato dall’Inail a Paola Armellini, la madre di Matteo, l’operaio morto il 5 Marzo 2012, schiacciato sotto il crollo del palco per il concerto di Laura Pausini a Reggio Calabria, suona come un “pugno nello stomaco”.
E’ vero che la vita di una persona non ha prezzo, ma risarcire la famiglia con una cifra assurda è davvero una presa in giro, l’ennesima umiliazione!
L’Inail ci tiene a precisare che “non poteva dare di più”: News/2012/INAIL e che questi soldi non sono un risarcimento, ma “il contributo per le spese per il funerale”.
La si può mettere come si pare, fatto sta che la vita di Matteo Armellini è stata valutata dall’Inail solo euro 1936,80!
Continua a leggere