SENZA PAURA

SENZA PAURA

PERMESSO DI SOGGIORNO – ACCOGLIENZA E LAVORO DIGNITOSO!

Noi richiedenti asilo, rifugiati, migranti e operatori dei Centri di accoglienza insieme denunciamo:


la condizione di abbandono dei centri di accoglienza dove veniamo “parcheggiati come pacchi” per mesi, senza i servizi minimi di assistenza (assistenza medica, il cibo, la formazione, ecc.) costringendoci a raccogliere vestiti nei cassonetti dell’immondizia e a vivere nei centri senza riscaldamento o acqua calda!

Ø   la vergognosa campagna strumentale e razzista secondo la quale i richiedenti asilo e i migranti ricevono dai 25 ai 35 euro al giorno! Questi soldi non li abbiamo mai visti!

Ø   la condizione di sfruttamento dei lavoratori/operatori dei vari centri, sottopagati con contratti precari e turni di lavoro massacranti, ridotti a un lavoro di portierato e di controllo a discapito di un vero servizio di accoglienza verso i richiedenti asilo, rifugiati e migranti!

Ø   il sistema Mafia Capitale che ha consentito un giro di sfruttamento e arricchimento da parte di soggetti che hanno fatto dell’accoglienza un business sulla pelle dei richiedenti asilo e dei lavoratori.

Ø   lo stato di abbandono delle periferie spesso ridotte a discariche di disagio sociale e disoccupazione, con i forti tagli al trasporto pubblico locale, la mancanza di asili nido e la crescita degli sfratti.

MANIFESTAZIONE LUNEDI 23 FEBBRAIO ORE 10.00

 Piazza dell’Esquilino

 (Vicino la stazione di Roma Termini)

 SI a un’accoglienza dignitosa e un lavoro dignitoso per tutti!

Si al permesso di soggiorno umanitario per tutti!

Si alla stabilizzazione e alla reinternalizzazione dei servizi e dei lavoratori!

No allo sfruttamento e al business dell’accoglienza!   

 FEDERAZIONE USB ROMA e LAZIO

 http://www.romatoday.it/politica/espulsione-centro-accoglienza-via-grappelli.html#

Un homme  qui prive un autre homme de sa liberté est prisonnier de la haine, des préjugés  et de l’étroitesse  d’esprit Nelson Mandela  

Senza Paura

Senza paura.
Ho imparato a attraversare,
le più terribili cose,
che la vita mi ha riservato.
Senza paura.
Mi sono sforzata di rimanere me stessa.
Il mio essere differentemente abile,
poteva plasmarmi
in bene, o male.
Ci sono stati episodi di follia.
Ci sono stati episodi di,
grande mancanza di controllo,
da parte di me.
Le medicine non bastavano,
la psicoterapia neppure.
Ho vissuto avendo paura di me stessa.
Questo mi capita anche oggi di provarlo.
Senza paura.
Ma con grande senso di pazienza,
con gli altri i cosidetti “normali”.
Ognuno voleva consigliarmi, ad agire.
Una serie di “strade del male”
Sono lastricate di “opere del bene”.
Rimanere se stessi
Resistere quindi,
era difficile.
Il mio carattere indomito,
Reagiva con sregolatezze.
Insopportabile per me e per gli altri,
hanno sempre cercato di imprigionarmi,
in un personaggio che potessero controllare
ma io
scappavo mi bloccavano sulla porta,
e io scappavo dalla finestra.
Manifestavo un carattere sconosciuto.
Per me.
Senza paura.
La mia resistenza, è tale che
Oggi mi ritrovo un po’
Orgogliosa di questo
Mio carattere
In cui mi riconosco
Mano a mano che si svela.
Senza paura.

SISINA