Un passaggio

Dalla vita alla morte
l’inevitabile passaggio
a noi sembra triste
ma ci separa alla nostra insaputa
soltanto dal corpo….
L’anima realizzata
in un corpo incarnata
da quel fatto alla sua saputa
non è turbata.
E questa conoscenza è da noi sconosciuta
ma non al saggio
e accetta il passaggio vivendo felice
e poi passa tranquillo.
Perchè.. alla sua sapienza divina
sa che ad ogni morte
c’è una nuova vita.
Cerchiamo di capire e forse anche noi
vinceremo la paura di morire…
Che nei mondi dei passaggi,
in universi dei cosmi
e nell’eterno finito
è solo un passaggio
all’infinito.

Sergio Bertero

Il “Piccolo Poeta della grande Strada” come egli si definiva nostro amico e collaboratore per tanti anni ci ha lasciato… dopo la morte per lui la vita. Gli ultimi tempi lo hanno visto coinvolto in una lotta per il diritto all’esistenza da uomo libero.Qualcuno dei servizi sociali burocratici e amministrativi gli aveva tolto il mini appartamento che da anni abitava nella R.S.A. (residenza sanitaria assistita) di via Modigliani mandandolo con la scusa di ristrutturazione nella R.S.A. S.Silvestro di Borgo Pinti per poi etichettarlo in una riunione medica senza la sua presenza e senza alcun riscontro, come non  autosufficiente e spedirlo alla R.S.A. di Montedomini, cose che lo hanno fatto imbufalire fino ad uno sciopero della fame ad oltranza che nonostante gli abbia dato ragione, ma non più casa, lo ha debilitato fortemente.

Denunciamo questo ennesimo sopruso attuato verso una persona anziana e sola.

ciao Sergio ti ricordiamo

Qui le altre poesie di Sergio

“Sì signor giudice cioè signor vigile la assicuro lei è in errato quello di sbagliato, ma io sono Sergio Bertero! il piccolo poeta della grande strada non ha mai sentito! ma come è possibile cosa? e se ne frega , ma signor vigile mi

http://www.fuoribinario.org/blog/2013/03/05/

Un passaggio

Dalla vita alla morte
l’inevitabile passaggio
a noi sembra triste
ma ci separa alla nostra insaputa
soltanto dal corpo….
L’anima realizzata
in un corpo incarnata
da quel fatto alla sua saputa
non è turbata.
E questa conoscenza è da noi sconosciuta
ma non al saggio
e accetta il passaggio vivendo felice
e poi passa tranquillo.
Perchè.. alla sua sapienza divina
sa che ad ogni morte
c’è una nuova vita.
Cerchiamo di capire e forse anche noi
vinceremo la paura di morire…
Che nei mondi dei passaggi,
in universi dei cosmi
e nell’eterno finito
è solo un passaggio
all’infinito.
Sergio Bertero

 

UOMO FORTE!?

Al mastico di carne
che togli dalla vita
ingoiando la sua morte…
Tutto normale tutto regolare!
Non ha l’anima … l’animale.
IL VERGOGNOSO CREDO
DI QUESTO IGNORANTE CLERO…
Appunto e aggiungo, com’è possibile?
a pensare che un corpo abbia l’anima
pensiamo piuttosto che è l’anima
che ha preso un corpo …
e non c’è detto né scritto
che deve essere esclusivamente umano
sull’albero della vita in questo quadro creato…
Cerchiamo di allargare la nostra coscienza
che può aprire il cuore
ai nostri fratelli “inferiori”,
nati come noi per godere questo dono
fino al fondo di una naturale fine…
A voi tutti! Un felice Anno nuovo
VEGETALE!

Sergio Bertero

 

Sul questo pensiero

Compagna del mio cammino
camminando fra questa valle,
ma che tra questa immensità
un giorno, prima o poi
la natura di questa morte
ci fermerà e separerà,
ma il ricordo del pensiero
questo non potrà… ci rincamminerà
nell’eternità
sono più che sicuro
sarà anche per quei tutti
sotto questo cielo
che come noi due …
si vogliono per davvero
Compagna!
su questo pensiero … io vivo
per anche morire.

Sergio Bertero

…UNA RUOTA…

La ruota della vita
silenziosa ci gira …
sentiremo solo il suo freno
terminando il nostro giro.

Sergio Bertero

 

Il tempo
è eterno,
ma perché sprechiamo il nostro
che ne abbiamo così poco.
Sergio Bertero

 

 

Il tempo è uguale per tutti,
ma come vola quando si gode
è quando si soffre
che si spezza le ali
e si deve fermare.
Sergio Bertero

A quel sento credo

A QUEL SENTO CREDO
Quando sento
per in vita venendo
al nascendo il pianto d’un bimbo
a quel sento credo….
Al dolente, donna dolendo
per il frutto del seme di tuo seme amor….
in segno di parto per la terra di scaldo
alla luce del sol
dalla grande gioia mamma gioita
per il tuo frutto nel dormo respiro
in profumi odore, di braccia cuore
in forze di vita in forza d’amore
Donna!
come le perle
sul filo del seta
al pendo dall’albero vita
in questo quadro creato
pendono le vite
Coprilo dal freddo col caldo copro
di seno stretta al cuore palpito
Vai donna! A viso alto….
Quando sento
per in vita venendo
al nascendo
il pianto d’un bimbo
a quel sento…
IO CREDO
Sergio Bertero

Donne questa poesia è dedicata a voi

DONNE
Fonti di vita
sorgendo dai grembi
che ci hanno dato la vita
posando sulle vostre forze
grazie al cielo.
Sergio Bertero

Buongiorno signor vigile che c’è? una multa per me! e che ho fatto?

“Si alzi immediatamente caro signore (per modo di dire) da questo angolo privato che io sto tutelando e che lei sta intralciando, ma come mi chiedo e mi domando al meravigliato, come ha fatto di essere così sbandato a non vedere quel cartellino appiccicato a due dita dal suo naso e che poi è appeso per tutta quanta la città, ora lo vede? VIETATO! ecco la multa ha da aggiungere… aaah ora si vuole scusare cosa? addirittura scolpare!”
Continua a leggere