Sollicciano: Una cucina da chiudere

Franco Corleone, Garante dei diritti dei detenuti del Comune di Firenze,
denuncia in modo puntuale una delle tante disfunzioni presenti nel carcere
fiorentino

Sollicciano: Una cucina da chiudere

In attesa della seconda cucina, i cui lavori di ristrutturazione vanno troppo a rilento,
la situazione della vecchia cucina versa in condizioni inaccettabili.
Ecco un elenco delle cose che non vanno:

  • presenza di animali (piattole);
  • mancanza di acqua calda;
  • sette pentole a vapore inefficienti;
  • il pavimento manca di piastrelle;
  • i bracieri per il sugo sono rotti;
  • cinque piastre per la carne sono rotte;
  • dei due forni uno è fuori uso;
  • mancano i carrelli termici;
  • mancano stivali da cucina antiscivolo per i lavoranti e i cuochi hanno scarpe bucate e rotte;
  • mancano le pettorine per il lavaggio e l’abbigliamento da lavoro.

In queste condizioni il lavoro è contro ogni norma di igiene e la qualità del cibo per mille detenuti non può che essere scadente.
Occorre una visita specifica dell’Asl!
Continua a leggere