Un padre di famiglia scrive agli “uomini ombra”

Cari Uomini Ombra,
sono un padre di famiglia che si avvicina alla cinquantina, sono artista e uomo di scienza, come lo sono molti nella mia famiglia da ormai qualche generazione. Da bambino mio nonno mi diceva: “Da giovane speravo di poter vivere così a lungo da poter vedere realizzate quelle che pensavo fossero grandi conquiste per l’umanità come volare, e anco r di più andar e sulla luna , anche se allora era impossibile. Nel corso della mia vita ho visto realizzarsi queste cose per cui ritengo che l’umanità si sia in qualche modo evoluta”. Io personalmente spero di poter vivere così a lungo da vedere l’abolizione dell’ergastolo (e poi anche del carcere) da parte di una grande nazione organizzata (credo infatti che forse gli unici popoli che non concepiscono l’orrore del carcere appartengono a c iviltà tribali). Qu e sto ritengo che sarebbe un grande passo evolutivo per l’umanità, che non è paragonabile ad alcuna delle tecnologie finora raggiunte dall’uomo.
Continua a leggere

Ventiduesima lettera di Buon Compleanno alla compagna di un uomo ombra

Buon compleanno amore.
Eccoti anche quest’anno
la mia lettera di Buon compleanno.
E con questa sono ventidue.
Lo so!
In tutto questo tempo non è stato facile
starmi accanto.
Eppure ci sei riuscita.
E per tutti questi anni sei stata l’energia
del mio cuore e dei miei pensieri.
Buon compleanno amore.
Lo so!
È stato difficile amarmi.
E lo hai fatto senza chiedere nulla in cambio.
D’altronde un uomo ombra
non può più dare nulla alla compagna che ama.
Buon compleanno amore.
In questi 22 anni mi hai fatto esistere
grazie al tuo amore.
E hai sempre sussurrato al mio cuore:
-I sogni a forza di crederli diventano veri.
Dopo tutto il tempo che è passato e con un fine pena
nel 9999 è difficile crederlo ancora.
Io non ci credo più,
ma il mio cuore continua a crederci ancora.
Buon compleanno amore.
È stato facile amarti.
Ti amavo ancora prima di conoscerti.
Impossibile è stato smetterlo di farlo.
E mai lo farò.
Buon compleanno amore.
Si può imprigionare un uomo per tutta la vita.
E divorargli tutti i suoi sogni.
Non si può però impedirgli di amare.
Ed io ti amo.
Buon compleanno amore.

Carmelo Musumeci (carcere Padova 19 dicembre 2012)

Lettera aperta degli uomini ombra al Segretario nazionale del Partito Democratico

La politica non dice niente. Non amo le persone che sono insensibili alla verità. (Pasternak)

Giornata da galeotto per il Segretario nazionale del Partito Democratico Pierluigi Bersani che ha visitato il carcere di Padova, ma come accade spesso nei casi in cui alcune persone importanti visitano l’Assassino dei Sogni (come i prigionieri chiamano il carcere) l’hanno visto pochi detenuti.

Segretario Bersani, sicuramente, l’avranno fatta girare nel salotto buono del carcere senza farla salire nelle sezioni dove avrebbe potuto vedere cose molto diverse, anche in quel carcere di Padova, considerato un “fiore all’occhiello” dell’Amministrazione Penitenziaria. Avrebbe visto in piccole celle singole tre persone accatastate come pezzi di legno in una legnaia. E anche tante persone imbottite di psicofarmaci per levargli quella poca vita che gli è rimasta, perché ormai vivono una vita vegetativa, visto che il carcere com’è oggi trasforma l’umano in non umano. Noi siamo degli uomini sociali ed invece questo tipo di carcere ci rende asociali, perché così com’è ci ammazza il corpo, la mente e il cuore. Eppure i diritti dei detenuti dovrebbero essere diritti di tutti, anche i suoi e di tutti i cittadini che hanno la fedina penale pulita.

Continua a leggere